Informazioni personali

lunedì 15 novembre 2010

Azzurra in the make up artist world


Chi è Azzurra?

La sua attività inizia nel 2005 quando, conseguita la maturità scientifica, decide di iscriversi alla nota “Accademia di trucco professionale” di Roma dove si diploma a pieni voti dopo un intenso periodo di studio e tirocinio. Da quel momento l’esordio e il suo inserimento in tutti i campi del Make-up: sfilate di moda, trucco a personaggi dello spettacolo per la Rai, concorsi Shu Uemura e Lancome, Case cosmetiche per le quali collabora come fece- designer e make-up artist, corsi di trucco personalizzati, books fotografici, così da perfezionarsi in tecniche sempre più innovative e avanzate. Sua particolare propensione: il trucco sposa e cerimonia per cui la si può considerare oggi un punto di riferimento essenziale per coloro che si accingono al grande passo…



Azzurra, che cosa rappresenta per te il Make-up?



Fin da piccola, quando costringevo la nonna, mia complice, a sedersi per impiastricciarla con fard e ombretti sottratti di nascosto a mia madre, mi sentivo attratta e soddisfatta di ciò che riuscivo a realizzare con l’intento forse, allora inconscio, di renderla ancora più attraente di quanto a me già apparisse. Ecco cosa ritengo significhi per me il make-up: rendere un volto non diverso da quello che è ma migliore; non più bello, ma più espressivo sottolineandone o perfezionandone, spesso con giochi di chiaro-scuro, i singoli elementi, in particolare:occhi, naso, bocca. Non solo: un make up, se davvero studiato ad hoc per una persona, la farà sentire senz’altro più sicura e fiduciosa verso se stessa e verso gli altri.



Qual è il cosmetico che ritieni più indispensabile in un make-up e perché?



Tutti lo sono, indubbiamente. E’ ovvio che non si possa rinunciare ad un buon fondo tinta, ad una altrettanto buona cipria; ad un’ampia scelta di ombretti o di rossetti o lucida-labbra. L’importante comunque e l’esperienza ormai me lo insegna, è usare prodotti di alta qualità sempre clinicamente testati e in questo senso: crepi l’avarizia! (ndr).

Quali sono le tecniche per effettuare un buon make up sposa? A quale modello ti ispiri di solito?

Innanzi tutto e rispondo subito alla seconda domanda, non esiste un modello predefinito a cui ispirarsi. In altre parole, varia di volta in volta in base a diversi fattori: il tipo di personalità della Cliente che puoi percepire subito non appena ti si presenta, i lineamenti del suo volto se più o meno marcati, le eventuali piccole imperfezioni, la regolarità o meno delle sopracciglia e così via. A ciò si aggiungono altre informazioni meno tecniche ma altrettanto importanti: il colore e il modello dell’abito che indosserà lei e il futuro marito per esempio, oppure il tipo di cerimonia prescelto, gli addobbi floreali, ecc… .
Anche per quanto riguarda la tecnica di make up vera e propria vale il discorso precedente : in ogni caso e in primis, rispettare sempre il gusto personale della Cliente che può essere rivolto verso un maquillage più marcato e vistoso o al contrario più leggero tipo, per intendersi, “ acqua e sapone”.
Quello che riesco sempre a ottenere e per il quale molte delle mie spose ( ma anche le loro madri o amiche) si sono congratulate, è garantire loro una tenuta perfetta del make up per tutta la durata e anche oltre, dell’avvenimento a dispetto di spesso inevitabili quanto comprensibili “ emozioni”.


CONTATTI:info@azzurramakeup.com
http://www.azzurramakeup.com/

Who's azzurra?

Its business began in 2005 when, to scientific maturity, he decided to join the famous Academy of Professional Makeup in Rome where he graduated with honors after an intense period of study and internship.Since then the onset and its inclusion in all areas of Make-up: fashion shows, make-up characters of the show for Rai, contests, Shu Uemura and Lancome, cosmetic companies for which he worked as a designer and make- -up artist, make-up courses custom photo books, so perfect in ever more innovative and advanced techniques.His particular propensity: the ceremony and wedding makeup so it can be considered today an essential reference point for those who are about to plunge ...

what it represents for you the make-up?

Even as a child, when forced my grandmother, my accomplice, to sit for smeared with blush and eye shadow taken away in secret to my mother, I was attracted and satisfied with what I could achieve with the intention maybe, then unconscious, to make it even more attractive than me already appeared.Here's what I mean to me the make-up: make a face not unlike that which is better but, no longer beautiful, but more expressive underlining or improved spessocon games of light and dark, the individual elements, particularly the eyes, nose, mouth.Not only that: a make-up, if you really studied ad hoc unapersona, certainly will make her feel more secure and confident to self and others.

What is the cosmetic that you deem essential in a make-up and why?

All they are, no doubt. It 'obvious that we can not give up a good background color, such as a good powder, and a wide choice of eye shadow or lipstick or lip-gloss. The important thing to me now, however, experience teaches, is to use high quality products and always clinically tested in this way: stinginess croak! (Ed.).

What are the techniques to make a good bridal make-up? What inspires you to modelusual?

First and respond immediately to the second question, there is a default template and inspiring. In other words, varies from time to time according to several factors: the type of personality of the client that you can feel immediately when you are presented, whether the lineaments of his face more or less marked, any small imperfections, the regularity or less of the eyebrows and so on. In addition, other information less technical but equally important: the color and model wearing apparel that she and her future husband, for example, or the type of ceremony you choose, floral arrangements, etc ....Even with regard to technical makeup of the speech is genuine before: in any case and above all, always respect the personal taste of the customer who may be facing a more marked and striking make-up or otherwise lighter kind, for understood, "soap and water."What I always manage to obtain and for which many of my brides (as well as their mothers or girlfriends) congratulated, is to ensure a tight seal their make-up throughout and beyond, of the event in spite of often unavoidable and understandable "emotions".


Nessun commento:

Posta un commento