Informazioni personali

giovedì 22 luglio 2010

Azzurra the singer



chi è azzurra?

Azzurra è... due Azzurre in realtà!! Una fa l'impiegata in un ufficio di gestione sinistri: lavora davanti ad un pc tra scartoffie e clienti arrabbiati! L'altra è una cantante, un' eterna ragazzina che insegue un sogno bellissimo fatto di musica e gioia!com'era a scuola? ahahaha... "la ragazza ha le capacità, ma potrebbe impegnarsi di più..." Frase storica, ma mai più azzeccata!! La pigrizia è sempre stato (ed ancora è) il mio difetto peggiore. Me la sono sempre cavata facendo il minimo indispensabile. Finito il liceo (gli anni più belli della mia vita) mi sono presa un anno sabbatico e ho vissuto per tre mesi a LA in California. Quando sono tornata in patria ho deciso di iscrivermi alla facoltà di Economia Aziendale, credo per garantirmi un lavoro sicuro in futuro o forse per seguire le impronte di mio padre...mha... mai scelta fu meno opportuna. Azzurra sta all'economia come la panna montata sta sui peperoni!! Quando l'ho realizzato però ero a pochi esami dalla laurea e così mi ritrovo dottore nella materia che meno mi si addice al mondo... insomma... quanto a carriera scolastica, un vero disastro!!

che lavoro fai?

Impiegata amministrativa part-time; il resto del tempo apprendista musicista! Frequento il terzo anno dell'accademia VOCEM per il canto moderno di Pordenone, dove studio tecnica canora ma anche pianoforte, solfeggio, ritmica e materie complementari al canto. Da un anno ho iniziato anche a dare lezioni di canto, o almeno ci provo!! Le mie allieve mi danno grossissime soddisfazioni devo dire. Mi sono approcciata all'insegnamento in punta di piedi; l'idea di "costruire" (nel mio caso vocalmente parlando) un'altra persona mi spaventava moltissimo. Invece i riscontri che ho avuto sono stati molto positivi e la gratificazione che mi da condividere la mia passione con gli altri non ha davvero prezzo! Queste le attività giornaliere... le serate poi sono sempre occupate tra prove e concerti. Canto in alcuni gruppi di generi musicali diversi tra loro e star dietro a tutti i musicisti è faticoso... ma appagante!!!

vivi da sola?

Vivo con i miei 3 gatti! Ah, già, dimenticavo il lavoro da casalinga ;-)vivo sola da 4 anni. Ho convissuto con un'amica per un anno e mezzo dopo aver lasciato la casa dei miei genitori, poi ho scelto di prendere un appartamento tutto per me! Amo avere la mia casa a disposizione come e quando voglio. Anche se la convivenza è una delle esperienze più belle che si possano fare. D'altronde la mia parola preferita è CONDIVISIONE. Ad ogni modo con gli orari che ho ultimamente sono a casa molto poco e quando sono in casa di solito devo studiare; quindi avere la casa vuota è un privilegio per me! Da quando mi sono presa il part time in ufficio è difficile riuscire a far saltare fuori affitto, bollette e magari anche un paio di giorni di ferie... ma sono pienamente soddisfatta della mia scelta. I soldi non fanno la felicità, io ne sono la dimostrazione vivente!!

il tuo sogno?

Continuare a fare musica. Sempre meglio. Sono alla ricerca della mia identità musicale e il mio sogno è di trovarla e di poterla esprimere al meglio. Da quando la musica è entrata nella mia vita sono più felice e appagata: in pratica il mio sogno si sta già realizzando, devo solo continuare a viverlo più intensamente possibile! Mi sento molto fortunata in effetti.

cosa ti preocupa e cosa ti rende serena?

Mi preoccupo quando arriva fine mese e devo pagare l'affitto... hehehe... mi preoccupa il fatto di avere ancora tanta strada da fare e di iniziare a non sentirmi più ragazzina... mi preoccupa il fatto di ritrovarmi vicino ad una tappa importante della mia vita e di dover in qualche modo farne un bilancio parziale (io odio l'economia, l'ho già detto no?!)... mi preoccupa il legame forte che sento per la mia terra e per la mia città e che in qualche modo mi tiene ancorata qui e frena la mia voglia di scappare lontano... ma soprattutto mi preoccupa una domanda importante: ...cosa mi cucino per pranzo????Mi rende serena cantare. Ieri ho avuto una giornata grigissima; un pò stavo male fisicamente, un pò m'era presa la malinconia da troppo lavoro in ufficio... insomma, la classica giornata storta! A chi non capita?! Per fortuna ieri sera ho suonato con il mio gruppo rockabilly ed ogni pensiero negativo è svanito! E la mia vita è così: bastano un paio d'ore di musica e i problemi scompaiono! La magia del rock&roll!!!! :-) Ma a volte bastano anche una decina di minuti al pianoforte...

si parla tanto di tutto ma secondo te di cosa ancora non si è parlato abbastanza?

Di integrazione. In realtà già se ne parla molto ma per quello che vedo io a Pordenone non è abbastanza. C'è bisogno di apertura. Dobbiamo cancellare quei pregiudizi che ancora influenzano i nostri comportamenti. E per prima giudico me stessa con questo discorso: vorrei non cambiare atteggiamento quando parlo con qualcuno solo perchè ha un accento diverso dal mio... e cerco di farlo ogni giorno. Essere cresciuta in un paese di 700 abitanti dove tutti conoscono tutti non m'ha aiutato in questo senso... ma se ognuno ci mettesse del suo... ecco, questo è un bellissimo sogno che vorrei veder concretizzato!! Un mondo dove ogni uomo è uguale all'altro. No, basterebbe un mondo dove ogni uomo considera l'altro pari a se stesso. Che meraviglia...

cosa volevi a 18 anni e cosa vuoi 10 anni dopo?

A 18 anni non sapevo assolutamente cosa volevo! L'unica cosa certa era che volevo la mia indipendenza, e l'ho ottenuta!!! Adesso cosa voglio? Forse l'unica cosa che mi manca ad oggi è di trovare una persona con cui condividere quello che ho... chissà se esiste da qualche parte?! :-)

ti svegli la mattina e pensi?

<< *** ...sono già in ritardo!!>>

vai a dormire la sera e speri?

Di aver trasmesso qualcosa alle persone che ho incontrato, che mi hanno ascoltata cantare o con cui ho parlato.







Who is Azzurra?

Azzurra is ... two blue actually! One is employed in an office of the claims management: working papers in front of a PC and angry customers! The other is a singer, an 'eternal beautiful girl chasing a dream of music and joy as he was in school? hahaha ... "The girl has skills, but could do more ..." Historic phrase, but never more apt! Laziness has always been (and still is) my worst flaw. I've always got away doing the bare minimum. Finished high school (the best years of my life) I took a sabbatical and I lived for three months in LA, California. When I returned home I decided to enroll at the Faculty of Business Administration, I think to guarantee a secure job in the future or maybe to follow the footprints of my father ... mha ... ever was less appropriate choice. Blue is the economy is like whipped cream on peppers! But when I realized I had a few exams after graduation and so I find doctor in the field that suits me less the world ... well ... As for educational background, a real disaster!

what do you do?

Part-time administrative employee, the rest of the time an apprentice musician! Attending the third year for the academy vocem modern song of Pordenone, where he studied singing technique but also piano, solfege, rhythm and materials to complement the song. For a year I also started giving singing lessons, or at least I try! My students give me very great satisfaction I must say. I was teaching approaches on tiptoe, the idea of "building" (in my case vocally speaking) another person scared me a lot. Instead, the feedback I got was very positive and gratifying to me to share my passion with others does not really have money! These daily activities ... then the evenings are always busy with rehearsals and concerts. Singing in groups of different musical genres together and keep up with the musicians is tiring ... but rewarding!

live alone?

I live with my 3 cats! Oh, yeah, I forgot the work to be home ;-) I live only 4 years. I lived with a friend for a year and a half after leaving my parents' house, then I chose to take an apartment for me! I love having my home available as and when I want. Although cohabitation is one of the best experiences one can have. Besides my favorite word is SHARE. However with the last time I'm home and very little when I'm home I'm studying, so have the empty house is a privilege for me! Since I have taken part-time in the office is difficult to jump out of rent, bills and maybe a couple of days off ... but I am fully satisfied with my choice. The money does not bring happiness, I am living proof!

your dream?

Continue to make music. Always better. I am looking for my own musical identity and my dream is to find it to be able to deliver the best. Since music is my life is happier and fulfilled: in practice, my dream is being carried out, I just continue to live as intensely as possible! I feel very lucky indeed.

What worries you and what makes you happy?

I worry when it arrives later this month and I pay the rent ... hehehe ... I am concerned that he still has long way to go and you start to feel no more girl ... I am concerned to find myself near a major milestone in my life and having to somehow make a partial account (I hate the economy, I have already said no ?!)... I worry about the strong bond I feel for my country and my city and that somehow keeps me anchored here and curbs my desire to run away ... but above all I am concerned an important question: ... what I cook for lunch?? It makes me happy to sing. Yesterday I had a day grigissima; I was a little physically ill, I had taken a bit melancholy to be too much work in the office ... In short, the classic bad day! Who does not happen?! Fortunately last night I played with my band and rockabilly every negative thought is gone! And my life is so: it takes a couple of hours of music and the problems disappear! The magic of rock & roll!! :-) But sometimes enough even for ten minutes at the piano ...



people are talking about everything but do you think about what still has not said enough?

Integration. In fact he talks a lot already but what I see in Pordenone is not enough. We need openness. We must remove the prejudices that still affect our behavior. And for the first judge myself with this speech: I would not change their attitude when I talk with someone just because he has an accent different from mine ... and try to do every day. Being raised in a village of 700 inhabitants where everybody knows everybody not helped me in this direction ... but if we put all of his ... here, this is a beautiful dream that I would like to see materialize! A world where every man is like another. No. A world where every man considers himself equal to the other. How wonderful ...

What did you want in 18 years and 10 years after what you want?

At 18 I did not know quite what I wanted! The only sure thing was that I wanted my independence, and I got it! Now what I want? Perhaps the only thing I miss now is to find someone to share what I have ... I wonder if there somewhere?! :-)

you wake up and think?

>"... I'm already late!>>

go to bed at night and hope?

Had provided something to the people I met, I have heard singing or with whom I spoke.





Nessun commento:

Posta un commento